Scheda Progetto

Casa K

Anno: 
2015
Luogo: 
Cagliari
Stato: 
Realizzato

Un progetto di architettura in 15mq. Tutto qui, anche se l’appartamento è (poco) più grande. Due stanze anonime e uno sgabuzzino collegati da un disimpegno rettilineo, secondo il più diffuso schema degli anni sessanta. Occorreva che diventassero una casa, piccola certo, ma accogliente. Occorreva trovare uno spazio dove i muri racchiudevano solo un vuoto anonimo. Così abbiamo inserito un pieno, e lo abbiamo scavato. Un parallelepipedo 7x2x3m, nel quale si articolano in una forma compatta la cucina, il percorso di distribuzione, il bagno e un deposito. Tutto è concentrato e tutto trova il suo posto, come in un Tetris a tre dimensioni. Tutto ciò che fa di due stanze una casa si trova là, in quel parallelepipedo, perché non vada a occupare gli ambienti di vita che rimangono liberi per il soggiorno-pranzo e la camera da letto. Ma l’architettura non è solo funzione e, come sempre, l’obbiettivo in fondo era lo spazio e la sua qualità. L’operazione di scavo dilata e comprime il vuoto e la materia. Definisce, senza racchiudere, gli ambienti. Articola possibilità di uso dove prima c’era solo sproporzione. Dello scavo resta traccia a terra e a muro: un colore grigio pastoso e caldo, illuminato da fonti luminose nascoste nella profondità dello spessore. Tutto in 15mq. Si può installare una cucina in soggiorno e credere che sia un progetto oppure lavorare lo spazio come fosse materia solida. Da provare!

 

Complementi d’arredo:

Tavolo Leonardo di Zanotta (Achille Castiglioni)

Lampada da terra Tolomeo di Artemide

Divano Baricella di Poltronesofa

Sedie Igloo e Igloo Chair di SCAB Design

 

Impresa di costruzione:

Giancarlo Todde srl